E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini

Da Fondazione cariplo 70mila euro per l'audit energetico.

L’iniziativa mira a migliorare l’efficienza energetica degli edifici pubblici. Partecipano i Comuni di Arluno, San Giorgio su Legnano, Villa Cortese, Marcallo, Vittuone, Cilavegna

Verifica, indagine, formazione e individuazione di interventi per la razionalizzazione dei consumi. Questi gli step di attività di audit energetico, che in gran parte coincidono con il percorso normativo per arrivare alla certificazione energetica degli edifici.

La Fondazione Cariplo ha assegnato un contributo complessivo di quasi 70mila euro a 6 Comuni soci di E2sco Srl che, su indicazione della stessa E2sco, hanno presentato progetti di efficienza energetica nell’ambito del bando “Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi” emesso dalla Fondazione Cariplo stessa la scorsa primavera.

I progetti sono stati presentati per sei Comuni (riuniti in due gruppi).

I Comuni che beneficeranno del contributo assegnato sono:

Arluno (capofila), San Giorgio su Legnano, Villa Cortese. Per questo gruppo sono stati stanziati 30.800 euro su un importo complessivo dei costi di progetto di euro 44.338.

Per il gruppo di Marcallo (capofila), Vittuone, Cilavegna il contributo ammonta a euro 37.800, su un totale di euro 54.470 dei costi previsti.

Si sottolinea l’importante ruolo svolto da E2sco. “Una società come la nostra, fondata per migliorare l’efficienza energetica degli stabili di proprietà dei Comuni nostri soci, deve attivarsi per cogliere qualsiasi opportunità che ci consenta di perseguire le nostre finalità statutarie – dichiara Tito Cattaneo, Presidente di E2sco –. Ed è per questo che da quest’estate offriamo un nuovo servizio: passare al vaglio i vari bandi che escono in materia di risparmio energetico per poi proporli, se idonei, ai nostri Comuni soci. Anche per il bando della Fondazione Cariplo abbiamo agito in questa direzione, prima ci siamo fatti promotori e in seguito proposti come coordinamento per la raccolta del materiale necessario alla partecipazione al bando”.


All’attività di stesura dei progetti ha preso parte anche Ambiente Italia Srl. La fase di attuazione dei progetti sarà avviata congiuntamente da Comuni, E2sco e Ambiente Italia.

I progetti

Per entrambi i progetti, le azioni previste nei progetti di audit energetico sono tre.

1. Audit leggero sull’intero parco edilizio. Prevede l’analisi delle principali caratteristiche energetiche.

2. Audit di dettaglio previsto su alcuni edifici selezionati in base ai dati emersi dalla fase precedente. Qui saranno individuati quei possibili interventi per la razionalizzazione energetica.

3. Formazione. Attività rivolta ai tecnici comunali durante i sei mesi previsti per l’attuazione del progetto.

Il progetto, infine, comprende un’ultima fase di pubblicizzazione dei risultati conseguiti.

Form@ambiente