E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini E2sco galleria immagini

Al via la campagna di comunicazione pro mobilità sostenibile realizzata con 12 scuole del territorio. L'iniziativa rientra nel progetto Energia&Progresso.

Il Presidente Cattaneo: “Non facciamoci prendere dalla pigrizia e limitiamo l’uso dell’auto privata. Andare a piedi o in bici fa bene al pianeta ma anche alla nostra salute!”.

E' pronta a partire la campagna di comunicazione socio-ambientale pro mobilità sostenibile. L’iniziativa, che rientra nell’ambito del progetto “Energia&Progresso. Abitare lavorare muoversi” promosso da E2sco srl (società a maggioranza pubblica che opera nel campo dei servizi energetici) è stata sviluppata con il coinvolgimento di scuole elementari o medie presenti in 12 Comuni soci di E2 che hanno condiviso e sostenuto il progetto: Albairate, Arluno, Bareggio, Cassinetta di Lugagnano, Cisliano, Corbetta, Cuggiono, Marcallo con Casone, Robecco sul Naviglio, S. Stefano Ticino, Turbigo e Vittuone.


La campagna di comunicazione “Energia&Progresso” si prefigge di stimolare, tra giovani e adulti, le buone pratiche di uso della bicicletta e dell’andare a piedi, almeno in tragitti medio brevi, piuttosto che a prendere i mezzi pubblici per lunghi spostamenti a svantaggio dei mezzi privati. Il tutto al fine migliorare le condizioni ambientali del territorio. “L’uso sconsiderato dei tradizionali mezzi di trasposto incide gravemente sul prelievo delle risorse naturali – osserva il Presidente di E2sco, Tito Cattaneo -. Sappiamo, inoltre, che causa dell’inquinamento atmosferico è determinato in gran parte anche dall’emissione di gas di scarico dei mezzi di trasporto. Sulla base di queste considerazioni e in linea con il programma ‘Educare alla sostenibilità” avviato da E2 nel 2007, riteniamo che il progetto Energia&progresso rappresenti un passo determinate per contribuire a diffondere la cultura energetico ambientale tra gli abitanti dei nostri Comuni. Molto spesso ci facciamo prendere dalla pigrizia e per fare anche poche centinaia di metri prendiamo la macchina. Andare in bici o a piedi fa bene al pianeta ma anche alla nostra salute. Soprattutto quando dobbiamo muoverci nelle nostre piccole realtà urbane!”


La campagna di comunicazione pro mobilità sostenibile è composta da una serie di 12 manifesti: uno per ogni scuola partecipante. I manifesti sono differenti nei contenuti ma uniformi nella veste grafica. I 12 manifesti sono il frutto del lavoro di equipe di quasi 600 studenti coinvolti. I manifesti saranno affissi nel territorio dei comuni aderenti e nelle rispettive scuole pubbliche inferiori presenti. “Sviluppare una campagna di comunicazione a livello intercomunale che ha visto la partecipazione di 24 classi scuole è stata un’impresa complessa – evidenzia Mitti Loaldi, responsabile progetto Energia&Progresso -. Per questo siamo ancora più soddisfatti del risultato conseguito. Tutti i manifesti esprimono chiaramente e con incisività i concetti della mobilità sostenibile, ma il fatto più interessante è dato dalla diversità delle modalità espressive adottate dai giovani creativi. Certamente, il buon esito raggiunto è da attribuire anche alle  insegnati che hanno seguito ragazzi e ragazzi durante i mesi di lavoro e hanno collaborato con vivace spirito d’iniziativa”.


La campagna di comunicazione pro mobilità sostenibile rappresenta l’apice del progetto Energia&Progresso. Studenti e studentesse sono stati coinvolti in un processo didattico-formativo strutturato in 3 ambiti operativi. Lezione in classe sul tema della mobilità, a partire dal concetto di sostenibilità, alla storia dei trasporti, ai danni derivanti dall’inquinamento atmosferico, ai combustibili alternativi, agli interventi e politiche attuabili. Laboratori socio-ambientali dove attraverso la redazione di due questionari sono state verificate le abitudini agli spostamenti, l’impatto ambientale determinato dal tragitto casa-scuola-casa in automobile, la qualità urbana in materia di mobilità sostenibile nel tratto casa-scuola. Laboratori di comunicazione creativa. “I laboratori di comunicazione creativa hanno rappresentato il fulcro delle attività del progetto – conclude Loaldi -. Gli alunni sono stati stimolati a riflettere sul tema trattato attraverso interventi interattivi, sensoriali e creativi. Al termine di questo percorso sono nati gli elaborati per la campagna di comunicazione”.

Form@ambiente